mercoledì 10 giugno 2015

Impasto all'olio della signora Maria versatile per torte salate, e sfizi vari


Grazie alla ricetta della mamma della mia amica Debora, ho trovato una valida alternativa alla pasta brisè e alla pasta sfoglia. Non che questo impasto vada a sostituire gli altri, ma è una variante molto valida, friabile, veloce ma sopratutto più sana di quelli che possiamo trovare in commercio già solo per il fatto che non contiene burro ma perchè sopratutto è fatta con le nostre manine.
Da questa dose ne potete ricavare 6 palline che potete congelare singolarmente in sacchettini appositi o avvolte da pellicola trasparente, così impastate una volta e siete pronti per 6 volte, basterà ricordarsi di estrarre la pallina d'impasto dal congelatore qualche ora prima.


INGREDIENTI per circa 1,600kg di impasto:

  •  1 Kg di farina
  • 3 uova
  • 1 bicchiere  olio di semi
  • 1 bicchiere vino bianco
  • mezzo bicchiere di acqua
  • Un pizzico di sale

Io ho utilizzato il bimby per amalgamare tutti gli ingredienti per 2 minuti a velocità spiga, ma potete utilizzare una planetaria o mettere tutto in un recipiente e impastare a mano.
Alla fine otterrete un'impasto umido ma non appiccicoso.
Per fare una torta salata da circa 22 cm vi bastera 1/6 dell'impasto circa 260g.
Le altre 5 parti potete avvolgerle nella pellicola trasparente o in sacchettini appositi e congelarle.

Mi sono stupita di quanto sia facile lavorare questa pasta, si riesce a stendere facilmente anche di spessori sottilissimi, quasi una sfoglia trasparente. Proprio questa caratteristica lo rende versatile per preparare non solo torte salate, ma anche rustici, fagottini, cestini, largo alla vostra fantasia.

Una volta cotto, sarà più friabile di una pasta brisè, croccante al punto giusto, perfetto per ripieni anche liquidi, non necessità di "cottura in bianco".
Io ho provato anche a ripiegarlo un paio di volte su se stesso per poi stenderlo come una pasta sfoglia è il risultato e che sono venuti dei rustici fantastici che non mi hanno fatto rimpiangere la pasta sfoglia.
Insomma è stata una vera scoperta, che ora mi toccherà esplorare e sperimentare in tutte le sue declinazioni.

Nessun commento:

Posta un commento