sabato 29 ottobre 2016

MANGIA CIO' CHE LEGGI #85: Uova nere ispirate da "Oscure regioni vol.2 racconti dell'orrore" di Luigi Musolino


Non vedevo l'ora che il brillante Luigi Musolino facesse uscire anche questo secondo volume di Oscure regioni in ebook. Il primo mi ha travolto e questo non è stato da meno. Se cercate un vero Horror, questo fa per voi. Una serie di racconti tratti dalle nostre leggende popolari delle varie regioni italiane, rese attuali e reali dalla maestria nello scrivere di Luigi. Ogni racconto ti risucchia al suo interno,mentre leggi ti guardi alle spalle al minimo rumore, è crudo, è tangibile, è spaventoso. La sua scrittura fluida e scorrevole vi porterà negli abissi più neri. Per fortuna ogni storia e a se, e ti permette di prendere fiato ogni volta prima di incontrare il nuovo terrore. Quindi cosa c'è di meglio di questa antologia per fare un #mangiaciòcheleggi a tema Halloween? Questa ricetta è proprio ispirata dal primo racconto "Les Abominations des Altitudes" e le uova nere.


INGREDIENTI:
  • 4 uova, non troppo fresche sarà più semplice sbucciarle
  • 300ml circa di aceto balsamico di modena
  • una punta di cucchiaino di colorante nero alimentare (facoltativo)
  • pepe nero
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
per accompagnare
  • 2 cucchiai di maionese
  • 1 cucchiaio di patè d'olive
Preparate le uova sode portando a bollore  abbondante acqua con un cucchiaio di aceto di vino bianco, servirà ad impedire all'albume di fuoriuscire se si rompe il guscio. Quando l'acqua bolle tuffate le uova delicatamente, io mi aiuto con un cucchiaio. Vi consiglio di scegliere un pentolino non troppo grosso, io di solito provo prima se ci stanno le uova, non devono avere troppo spazio intorno così evitano di rompersi in cottura, l'acqua deve coprirle interamente. Da quando tuffate le uova contate 8 minuti e poi scolatele. Lasciatele raffreddare completamente e sbucciatele come da abitudine. 

Mettete il colorante nero in un recipiente, io utilizzo quello in pasta, sistemate le uova e copritele di aceto balsamico, aggiungete una generosa macinata di pepe e mescolate delicatamente, coprite con pellicola trasparente e dimenticate le vostre uova per 12 ore in un luogo fresco.



Scolate le vostre uova dopo il tempo di riposo e stupitevi come me del colore che avranno preso! Il colorante nero è facoltativo perchè se non avete esigenze particolari, l'aceto balsamico renderà le vostre uova comunque di un bel bordeaux scuro.
Mescolate ora la maionese con il patè d'olive per creare una salsa adatta a queste uova paurose.
Fidatevi sono buone anche solo semplicemente servite a spicchi, l'aceto gli donerà un sapore incredibile.

SINOSSI E LINK D'ACQUISTO:

Con "OSCURE REGIONI - volume 2" si conclude il viaggio di Luigi Musolino nelle leggende e nei miti del folclore italiano. Un viaggio in venti racconti, uno per regione, nel lato oscuro di quello che troppo spesso e troppo superficialmente è chiamato "il paese del sole e del mare". Questa seconda antologia contiene dieci nuove storie, ambientate soprattutto nelle regioni del centro e del nord Italia. Luigi Musolino tratteggia un paese fatto di boschi atri, cascine abbandonate, popolato di streghe e mostruose creature. Un'Italia assolutamente non da cartolina, in cui lo "scivolo nell'Abisso" è sorprendentemente vicino... a meno di un passo di distanza dal quotidiano che tutti conosciamo. E gli orrori che popolano questi racconti sono sia qualcosa di alieno (nel senso di altro rispetto alla routine di ogni giorno) sia uno specchio riflesso e distorto del mondo reale, troppo spesso alienante, violento, intriso di indifferenza ed egoismo. Luigi Musolino è nato nel 1982 in provincia di Torino. Editor e traduttore, ha collaborato con svariate case editrici; i suoi racconti horror sono stati premiati in molti concorsi letterari. Nel 2012 è uscita, in formato e-book, la sua prima antologia: "Bialere - Storie da Idrasca". Nel novembre 2014 RiLL ha curato l'antologia "Oscure Regioni - volume 1" (collana Memorie dal Futuro, ed. Wild Boar). Illustrazione di copertina: Diramazioni. Per ulteriori informazioni su "Oscure Regioni - volume 2", si rimanda al sito dell'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, che ha curato il volume: www.rill.it


1 commento: