lunedì 6 marzo 2017

Sformato ai due cavoli, con crema di mele agrodolce

La voglia di primavera è proprio tanta, però quando supermercato trovi il cavolo viola, la voglia di cucinare utilizzando ingredienti dai colori insoliti è più forte di tutto. Diciamo che questo sformato è un modo per salutare l'inverno e accogliere la primavera, e poi è venuto talmente bello,che le mie bambine quando l'hanno visto mi hanno chiesto se l'avevano preparato gli unicorni.
Ingredienti per 6 persone:

Per preparare lo sformato
  • 200 g di cavolo viola 
  • 200 g di verza 
  • 300 g di caprino vaccino 
  • 2 uova 
  • Sale e pepe q.b. 
  • una noce di burro per lo stampo

Per preparare la salsa
  • 1 mela il succo di mezzo limone 
  • 2 cucchiai di aceto di mele 
  • 1/4 di bicchiere d'acqua 
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna 
  • 1 cucchiaio di semi di senape gialla 
  • 15 g di burro 
  • 50 ml di panna fresca normale o vegetale
  • sale e pepe q.b.
Eliminate le foglie brutte dal cavolo viola e dalla verza, tagliateli in grossi pezzi eliminando le parti dure del fondo dategli una sciacquata e fateli bollire in acqua calda. Per la terza basteranno 5 minuti, cavolo viola 10 minuti.
Scolateli entrambi, e metteteli subito a bagno in acqua e ghiaccio, in modo da fermarne la cottura e preservarne il colore.
Come avrete notato il cavolo viola rilascia la sua tinta nell'acqua di cottura, vi do un consiglio conservatela, così in settimana vi darò la ricetta per creare dei panini dal grazioso colore lilla.

Una volta che le foglie dei due cavoli si saranno raffreddate, scolatele e strizzatele bene per eliminare l'acqua in eccesso. Inseritele separatamente in due recipienti adatti al frullatore ad immersione. Aggiungete ad ognuno, un uovo e metà del caprino, condite con sale e pepe a piacere e frullate entrambi fino a ottenere due creme omogenee, una viola e una verde.

Imburrate lo stampo da plumcake, in teoria con gli stampi in silicone non servirebbe ma io mi fido poco.
Scegliete quale colore preferite che stia nella parte superiore dello sformato, nel mio caso il verde, versatelo all'interno dello stampo per primo. Battete lo stampo sul tavolo, in modo che si distribuisca la crema di verza in modo uniforme. Con un cucchiaio ora create lo strato di cavolo viola, livellatelo con una spatola.
Cuocete in forno caldo a 180° per 30 minuti. Controllate la cottura provando di infilzare uno stecchino se esce fuori asciutto lo sformato è pronto altrimenti continuate ancora per 10 minuti.
Nel frattempo che lo sformato cuoce preparate la salsa di mele.
Sbucciate la mela levate il torsolo e tagliatele a pezzettini piccoli piccoli, irrorateli con il succo del limone.
Scegliete in un tegame antiaderente metà del burro e rosolate ci per 3 minuti i pezzettini di mela, aggiungete sale e pepe a piacere mescolate sfumate con l'aceto e aggiungete lo zucchero mescolate e cuocete ancora per un paio di minuti. Togliete dal fuoco e frullate la mela con il minipimer direttamente nella pentola, riportate sul fuoco e aggiungete l'acqua e i semi di senape, cuocete per altri 5 minuti. Aggiungete l'ultimo pezzetto di burro e la panna mescolate bene e con un colino setacciate il cucchiaio di maizena, mescolate velocemente e fate addensare togliete dal fuoco e tenete al caldo.



Una volta colto l'ho sfornato lasciatelo intiepidire 5 minuti prima di toglierlo dal suo stampo, aiutatevi con una spatola staccando dai bordi e scaravoltatelo in un piatto. 
Ricoprite la superficie dello sformato con uno strato di salsa, la restante servite la parte. 

Io ottimo servito subito tiepido ma anche freddo il giorno dopo. Un piatto dei colori delicati delle fate, che s'intona alla primavera in arrivo, anche se preparato con ingredienti invernali.


Ricordatevi che venerdì vi darò la ricetta del pane viola preparato con l'acqua di cottura del cavolo.



Nessun commento:

Posta un commento