mercoledì 18 ottobre 2017

Black onigiri ai gamberi

Dopo aver letto I love Tokyo della Pina, ho scoperto gli Onigiri, che non sono nient'altro che dei triangolini di riso ripieni di quello che più ci piace, della cucina tipica giapponese. Talmente incuriosita da questo cibo, e visto che abito in una zona in cui i suhi bar non ci sono,  ho acquistato su Amazon lo stampo per onigiri e mi ci sono cimentata.
Preparargli è veramente semplice, soprattutto utilizzando gli stampi appositi. 
 Dopo aver visto su Instagram dei Maki preparati con il riso Venere, ho deciso di sperimentare anche io preparando degli onigiri fusion, utilizzando appunto il riso venere, dei gamberetti cotti e una salsa svedese dell'ikea all'aneto.

Se non avete gli stampi per Onigiri, la forma di triangolo potete darla con le mani pressando il riso sul palmo. Se non avete la salsa IKEA potete sostituirla con della senape delicata e del finocchietto selvatico. 

Ingredienti per circa 6 Onigiri: 
  • Mezza tazza di riso Venere 
  • Una tazza e mezza di acqua
  • 12 gamberetti in salamoia sgocciolati 
  • Sei cucchiaini di salsa SÅS SENAP & DILL, Ikea 
  • 30 ml di aceto di mele 
  • Un cucchiaino di zucchero di canna 
  • Un pizzico di sale
  • semi di sesamo q.b.
Per prima cosa dovete cuocere il riso con il sistema per assorbimento. 
Versate il riso in una casseruola a bordi alti con l'acqua e il pizzico di sale. Coprite con un coperchio e portate a bollore, dopodiché sollevate il coperchio facendo uscire il vapore, abbassate la fiamma e coprite di nuovo; fate cuocere fino all'assorbimento dell'acqua. Nel frattempo sciogliete lo zucchero di canna nell'aceto di mele. Quando il riso sarà pronto conditelo con l'aceto e mescolate bene lasciate intiepidire il tutto.
Ora siete pronti per assemblare gli Onigiri, io utilizzato gli stampi più piccoli, perché il riso Venere, rispetto al riso da sushi, è meno appiccicoso quindi tende a disgregarsi. Preparando degli Onigiri più piccoli, andrete incontro ai vostri commensali per evitare disastri ad ogni morso.
Riempite per due terzi lo stampo con il riso, creando una conchetta al centro, dove sistemerete due gamberetti con un cucchiaino di salsa, ricoprite il tutto con del riso e pressate con il coperchio dello stampo.
Ora sfilate il triangolino delicatamente dallo stampo.
Procedete così fino ad esaurimento degli ingredienti. Decorate gli Onigiri con i semi di sesamo, ho provato anche ad utilizzare l'alga Nori ma essendo scura, non risaltava, quindi ho scelto di fare contrasto con il sesamo.
Accompagnare gli Onigiri con salsa di soia, wasabi o la salsa Ikea. Sono così belli da vedere nel loro colore elegante nero che quasi un dispiacere mangiarli. Visto che ci avviciniamo ad Halloween potrebbero anche un antipasto per una cena elegantemente spaventosa tra amici.

Nessun commento:

Posta un commento